epas4 efficienza prestazione ascolto successo

Turismo e marketing, spunti di riflessione

Turismo e marketing, spunti di riflessione

31 ott 2014

Alcune riflessioni sul mercato del Turismo raccolte e analizzate nell’ambito di una possibile definizione di strategia di marketing relativa all’apertura di una struttura di ricezione extra-alberghiera

Tra le fonti di questa ricerca che ho discusso in sede di esame di “Strategie di impresa e Marketing” (Unimercatorum) con la Professoressa Ferri – e che ringrazio per i preziosi suggerimenti da Lei forniti – annoveriamo:

Highlights

  • Il mercato del B&B è in costante crescita a livello nazionale, fin dagli inizi degli anni ’90.
  • Dagli inizi del 2000 è considerato tra le scelte alternative a Hotel ed Alberghi.
  • Questo settore economico ha visto un continuo incremento del livello di occupazione ed ha costituito un modo per sfruttare ambienti e strutture ormai semi abbandonate.

In particolare è rilevante (UnionCamere Impresa Turismo 2013) come sotto l’aspetto del turismo in città:

Il tessuto imprenditoriale del settore continua, pertanto, ad arricchirsi di imprese extralberghiere, confermando anche nel 2011 il trend di forte crescita dei B&B, che ammontano ad un totale di oltre 7 mila strutture, e l’incidenza del numero di abitazioni private in affitto per motivi turistici (sfiorano le 11 mila unità, +57% dal 2005) e degli alloggi agro-turistici che contano oltre 3 mila imprese (+54%)

Ancor più rilevante la crescita 2006-2011 con % di variazione del 250% per quel che riguarda il turismo di lago e con aumento del 140% per il turismo di natura.

  • Nel 2006 il mercato del B&B nazionale ha raggiunto 155 mln. di Euro.
  • Si ritiene che il fatturato possa crescere ulteriormente per i prossimi anni, per i seguenti motivi:
  1. .. apprezzamento per i servizi che fornisce;
  2. .. fattori economici che fanno prediligere sistemazioni meno costose;
  3. .. ridotta disponibilità a spostarsi con l’aereo;
  4. .. tendenza a concedersi più vacanze brevi al posto di una unica più lunga.

La ricerca di UnionCamere evidenzia i due principali fattori di scelta premiati rispettivamente con il 26% e 24% sono: “Posto ideale per riposarsi” e “Bellezze naturali del luogo”.
(Fonte: Motivazione principale del soggiorno per prodotto di destinazione possibili più risposte, % calcolata sul totale turisti Anno 2012, pagina 52)

DSC_4447a-bn-rid1500E per quel che riguarda le città uno dei driver è appunto “la connotazione culturale delle città italiane, legata all’unicità delle ricchezze storico artistiche si unisce il desiderio di distendersi dai ritmi quotidiani ed incalzanti, rilassandosi (17%) tra le bellezze naturalistiche del territorio (16%) e per scoprire qualche posto nuovo (14%). Di rilievo anche le ragioni più strettamente pratiche che non sottovalutano l’importanza dei prezzi convenienti (12%) e della possibilità di trovare ospitalità presso amici e/o parenti (12%)

In generale è da tenere conto che in questo settore il Cliente:

  1. Tende ad utilizzare il B&B al posto dell’albergo.
  2. Ama l’ambiente familiare.
  3. Privilegia il contatto con la natura, i luoghi di charme con una stretta correlazione con siti storico/artistici
  4. Considera l’aspetto economico

 

Le informazioni sopra esposte sono state utilizzate per la stesura di una bozza di piano di marketing (sezione Analisi Esterna)

(Enrico Pasini)

FacebookTwitterGoogle+LinkedInPrintFriendlyCondividi

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>